Agriturismo Casetta | SPIAGGIE
15363
page-template-default,page,page-id-15363,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,columns-3,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.6,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

ALBERESE

Marina di Alberese è la spiaggia più conosciuta del Parco della Maremma ed è anche quella più facilmente raggiungibile. L’ingresso è il medesimo del Parco, e visto che l’accesso è consentito ad un numero molto limitato di automobili, è conveniente lasciare l’auto nel parcheggio del parco e proseguire con il servizio navetta gratuito; la spiaggia è inoltre raggiungibile tramite una pista ciclabile che parte dal centro visite ed è lunga 8 km.

CALA VIOLINA

Cala Violina è una suggestiva caletta appartenente alla riserva naturale delle Bandite di Scarlino. La caletta non è molto ampia ma il particolare che la rende così conosciuta ed unica consiste nel suono che emette la sabbia quando la si calpesta, in assenza di altre forti fonti sonore, che ricorda un violino.

TORRE MOZZA

La spiaggia di Torre Mozza è distante 3 km dal centro di Follonica, è una bella spiaggia “sorvegliata” da un’antica torre del 1500 che aveva la funzione di avvistare eventuali incursioni saracene. I parcheggi sono situati alle spalle della spiaggia, tuttavia in piena estate potrebbero risultare un po’ piccoli rispetto ai numerosi bagnanti che vi si recano. Ci sono sia stabilimenti balneari che spiaggia libera. L’ambiente è selvaggio, composto da dune sabbiose e canneti, ricordiamo che anche la spiaggia di Torre Mozza fa parte del Parco Costiero della Sterpaia.
A circa trenta metri dalla riva, circa un metro sotto il pelo dell’acqua, si intravede una scogliera che corre parallela alla costa per centinaia di metri; alcuni identificano questa scogliera con un tratto dell’antica via Aurelia. Non sappiamo se si tratti solo di una leggenda, è sicuro invece che armandovi di maschera e boccaglio, sopra questa scogliera sommersa potrete scorgere polpi, orate, spigole, saraghi e salpe.

CALA MARTINA

Il monumento a Garibaldi
Cala Martina è una caletta della Maremma grossetana nel territorio comunale di Scarlino che si apre nel cuore della Riserva Naturale delle Bandite di Scarlino. La caletta, non molto ampia, più stretta della vicina Cala Violina, è racchiusa tra due promontori, ed è caratterizzata dalla presenza di scogli e da un mare molto trasparente. Il promontorio che divide Cala Martina da Cala Violina è chiamato Punta Francese.Cala Martina è inoltre famosa per essere stata il luogo in cui Giuseppe Garibaldi, inseguito dalle guardie pontificie, si imbarcò su un peschereccio spezzino per raggiungere Porto Venere, il 2 settembre 1849.[1] L’evento è ricordato con un monumento sul sentiero che porta alla spiaggia, realizzato nel 1949 dall scultore Tolomeo Faccendi, e con un cippo posto nel mare.